Fanni Fazekas
Fotografa ed artista, nata a Budapest nel 1979. Vive in Italia a Bolzano da 20 anni.
Segue le Fiere d'arte ed eventi d'arte Contemporanee da piu di 10 anni fotografando tutto ciò che ruota attorno a questi eventi: Vita, società, opere d'arte, feste, feste private.

Inizia gli studi artistici presso l’Istituto Professionale di belle arti e di arti applicate di Budapest, proseguendoli presso la Libera Università di Bolzano, Facoltà di Design e Arti, dove si laurea nel 2005. Attualmente collabora con enti, istituzioni, fondazioni d'arte e riviste a livello nazionale ed internazionale.


Photo Scooting at South Miami 2017
.

.

NADA Art Fair - Miami U.S.A 2017
.

.

.
.

.
.
.

.

Calendario 2017
Un anno fa avevo adottato Baloo il mio cagnolino favoloso tramite l'associazione Gli Amici di Snoopy di Benevento. Il calendario costa 10 euro + le spese di spedizione, il ricavato servirà per aiutare i nostri amici a 4 zampe

Buona vita a tutti pelosini.

.

@ MUSEION 2016

Foto by Fanni Fazekas
.

.
@ MUSEION 2015

Foto by Fanni Fazekas
.

.
@ Krone Art Factory

MEBO Center - performance with hot glass
.
Sogno e gioco sono le parole che vengono in mente quando si visita lo stand della Bolzanina adottiva Fanni Fazekas, che oltre a mostrare le sue tecniche e a spiegare con pazienza il suo mestiere (quando i mestieri si chiamavano ancora arti...) ci permette anche di ammirare i suoi ormai famosissimi bicchieri ubriachi. Per chi lo desiderasse c’è giustamente la possibilità di spendere qualche soldo e portarsi in cambio qualcosa di unico a casa per stupire i propri ospiti.

Michele Matejka
21.9.2014 " Not just Spek "
.

In collaboration with BoH Art Project

.
BoH Art Project @MUSEION -
Museo d'arte Moderna ed Contemporanea di Bolzano

.

.



Museum for Modern and Contemporary Art - Museion, Bolzano Italy

Titel: Whine and Wather
foto: museion fanni fazekas foto by serena Osti 11 04 2013

.

.

.

Fanni Fazekas
Titel: In the deconsecrated church / Nella chiesa sconsacrata
Year: 2012

http://franzmagazine.com

ArtExchange ist ein Kunsttauschprojekt des Lananer Künstlers Hannes Egger in Zusammenarbeit mit dem Südtiroler Künstlerbund. Künstlerinnen und Künstler können die Arbeit einer Kollegin oder eines Kollegin aus dem Schaukasten nehmen und gegen eine eigene eintauschen. Der Marktwert der Kunstwerke ist bei ArtExchange nicht von Bedeutung. Es geht rein um das Werk und dessen Tausch, um Vernetzung und Öffentlichkeit. Im Moment steht die Schautauschbox bis 27. Januar 2013 in der Museion Passage in Bozen. Kurz und bündig wollten wir wissen, was in den Köpfen der Kunsttauschenden vor sich geht…

Deshalb 3 Fragen an Fanni Fazekas:

Quale opera hai preso dalla teca?

L’opera d’arte che stata esposta prima: Oskar Verant, Time stands still, 30×20, digital print, 2009. È una foto di un palazzo del 1880 circa a Madrid. Lui scatta le foto in modo analogo. La “Belichtung” é lunga, che cancella tutto il movimento, le persone, il traffico che si muove ecc. Cerca con questa tecnica di “tranquillizzare” il mondo.

Con quale dei tuoi lavori l’hai cambiata?

La mia opera è una fotografia. Una foto fatta in una chiesa sconsacrata nel agosto del 2012.

La composizione triangolare dai tempi di Leonardo dei antichi greci. In primo piano una persona che viene illuminata dal sole dalla luce che cade tramite una finestra dall’alto. Un opera spontanea che fa incontrare il passato ed il presente. Tutto si concentra sull’unica figura… le luci, i muri, la prospettiva, le ombre.

Nel passato questa donna con le gambe nude seduta per terra sarebbe stata una sconsacrazione del credo.

Il titolo .. doppio senso. Senza conoscere la storia della fotografia, potremmo pensare che la chiesa è stata sconsacrata perché una donna seduta con delle gambe ben in vista sconsacra tutto ciò che sono valori di un credo. Mentre se leggi queste righe, vieni a sapere che in realtà la chiesa e stata sconsacrata e quello che completa l’opera d’arte è la storia. La storia che ha. Lei seduta per terra, comoda leggera col viso rivolto indietro nel passato… il presente che non bada alle formalità ma al essenza di essere lì e partecipare senza molti costumi e formalità. Un collegamento utopico dal passato ad oggi.

Perché hai deciso di fare questo scambio?

Avevo ricevuto un e-mail che annunciava il progetto di Hannes Egger. Il progetto si chiama ArtExchange… leggendo … righe dopo righe … mi entusiasmava sempre di più. Un opera davvero contemporanea. Il concetto è perfetto, il valore della vita trasformata in un opera d’arte che viene completata con molti piccoli tasselli di opere di altri artisti come il puzzle un opera che cresce ed aumenta il valore
in real time e resta sempre contemporanea grazie a l continuo scambio
che viene effettuato ed esposto nell’opera stessa.

Arte che rivendica il suo valore saltando il passaggio del mercato ed il passaggio del mondo dei soldi ed interessi vari. L’opera d’arte che ridà la dignità alla parola ed al significato dell’ARTE. L’intelletto che viene scambiata per puro intelletto senza che i soldi ed altre distrazioni si interferiscano. L’intelletto per intelletto. Arte per Arte.

Quindi l’opera d’arte offrissi in cambio dell’ArtExchange che mi fa curiosare e mi istiga ad osservare a guardare oltre l’opera esposta. Sperando che fra gli artisti nasca un dialogo una comunità che da la possibilità ad altre ispirazioni collaborazioni ed un exchange continuo.

Sono andata all’inaugurazione anche per questo motivo, per incontrare
artisti. Artisti invisibili, artisti nuovi. Ho chiesto a Matthias Schönweger, (Krippe, mixed media, dimension variable, 2012) se ha bisogno di un mano durante la preparazione della suo performance, e senza accorgermene sono diventata parte partecipe dell’opera da lui presentata.
Un Exchange spontaneo.

.

Hannes Egger, Fanni Fazekas at the MUSEION
18-01-2013